Stemma della Città


Decreto n° 79 del 02/05/2018
DECRETO SINDACALE
OGGETTO: NOMINA COMMISSIONE TOPONOMASTICA

IL SINDACO
PREMESSO CHE con delibera di Consiglio Comunale n.9 del 13/02/2015 veniva approvato il Regolamento Commissione Toponomastica e modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n° 4 del 31/01/2018;
CHE il Regolamento disciplina la nomina della Commissione Toponomastica attraverso la raccolta di manifestazioni di interesse a seguito di avviso pubblico, con la possibilità di designare gli esperti mancanti direttamente dal Sindaco, nel caso di acquisizione di manifestazioni di interesse da parte di un numero inferiore a 6 di componenti previsto;
DATO ATTO CHE ai sensi dell’art.4 del Regolamento, la Commissione è costituita da:
– Sindaco o suo delegato che la presiede e
– n. 6 Esperti ed il responsabile dell’Archivio Storico Comunale;
VISTA la determinazione Reg. Gen. n. 522 del 22/03/2018 con la quale veniva approvato lo schema di avviso pubblico per la nomina della Commissione Toponomastica;
CHE l’avviso pubblico veniva pubblicato in pari data all’Albo Pretorio al n. 795 dal 22/03/2018 al 09/04/2018;
VISTA la determinazione Reg. Gen. n. 705 del 20/04/2018 con la quale il Responsabile del servizio trasmetteva allo scrivente le domande pervenute ai fini della successiva individuazione dei soggetti cui conferire, come di seguito riportato:

D’Avino Mara Prot. 7483 del 04/04/2018
Reale Mariarca Prot. 7545 del 05/04/2018
Parisi Domenico Prot. 7760 del 09/04/2018
Rianna Arcangelo Prot. 7763 del 09/04/2018
Terracciano Antonio Prot. 7780 del 09/04/2018

RITENUTO OPPORTUNO provvedere in merito ed individuare un ulteriore componente in possesso dei requisiti di cui all’articolo 4 del Regolamento della Commissione Toponomastica ovverosia esperti in “storia e cultura, beni culturali con particolare riferimento a quelle locali, architettura, topografia, toponomastica, scienze matematiche, fisiche e naturali, teologia, o altra materia la cui conoscenza permetta di ottemperare al meglio allo svolgimento dell’attività della Commissione
VISTO lo Statuto Comunale;
VISTA la Legge 23 giugno 1927, n. 1188, avente ad oggetto “Toponomastica stradale e monumenti a personaggi contemporanei“;
VISTE le vigenti disposizioni in materia;
VISTO il vigente Regolamento Commissione Toponomastica;
ACQUISITI i curricula al Protocollo Generale dell’Ente degli esperti sotto meglio identificati, come da allegato, da Sub 1 a Sub 6;

DECRETA
DI NOMINARE componenti della Commissione Toponomastica, i seguenti esperti:

D’Avino Mara nata a Napoli il 09/02/1983 componente
Esposito Vincenza Emilia nata a Striano il 17/02/1963 componente
Parisi Domenico nato a Somma Vesuviana il 23/01/1948 componente
Reale Mariarca nata a Napoli il 13/11/1989 componente
Rianna Arcangelo nato a Somma Vesuviana il 12/06/1946 componente
Terracciano Antonio nato a Brusciano il 01/04/1963 componente

DARE ATTO CHE la stessa sarà composta:

SINDACO O SUO DELEGATO PRESIDENTE
RESPONSABILE ARCHIVIO STORICO COMUNALE Masulli Alessandro nato a Somma Vesuviana il 27/05/1968 componente
D’Avino Mara nata a Napoli il 09/02/1983 componente
Esposito Vincenza Emilia nata a Striano il 17/02/1963 componente
Parisi Domenico nato a Somma Vesuviana il 23/01/1948 componente
Reale Mariarca nata a Napoli il 13/11/1989 componente
Rianna Arcangelo nato a Somma Vesuviana il 12/06/1946 componente
Terracciano Antonio nato a Brusciano il 01/04/1963 componente

DARE ATTO CHE la Commissione Toponomastica dura in carica quanto il Consiglio Comunale e ai componenti non sarà corrisposto alcun compenso per la partecipazione alle sedute ai sensi dell’art.4 del Regolamento Commissione Toponomastica;
TRASMETTERE copia del presente decreto agli interessati, all’Albo Pretorio on line, in ossequio alla normativa sulla trasparenza, al Responsabile Ufficio CED per la pubblicazione sul sito istituzionale.
F.to Il Sindaco Dott. Salvatore Di Sarno

Con verbale n°10 del 2 maggio 2019 la Commissione Toponomatica:
a) ha espresso parere favorevole all’intitolazione dello spazio (largo) antistante allo stabilimento Auricchio in via Pomintella al Cav. Gennaro Auricchio (1914 – 2007), riconoscendo le sue qualità imprenditoriali, che tanto benessere hanno portato alla nostra Comunità in termini di lavoro;
b) in riferimento alla richiesta, protocollata con numero 9022 del 10 aprile 2019, del testimone di giustizia, Sig. Ciliberto Gennaro, ha espresso parere favorevole circa la denominazione di una strada alle Vittime della Mafia. Si riserva nel prossimo incontro del 9 maggio c.a. di definire la strada in questione;
c) In relazione alla richiesta di un belvedere ,in località Santa Maria a Castello, da intitolare a Mamma Schiavona, ha ritenuto inessenziale aggiungere un’ulteriore denominazione a un luogo sacro, già per sua natura interamente dedicato alla Madonna di Castello o Mamma Schiavona.

Con verbale n° 11 del 9 maggio 2019 la Commissione Toponomastica ha espresso parere favorevole all’intitolazione dell’attuale via Pomigliano – Somma al Prof. Salvatore Terracciano, Primario Emerito di Neurochirurgia e fondatore della Casa di Cura S. Maria del Pozzo, ivi ubicata. La proposta è stata deliberata dalla Giunta Cittadina con verbale n° 115 del 27 giugno 2019.

La Commissione, inoltre, dopo aver intitolato gli otto viali del Parco Verde di via Pomintella agli altrettanti nomi dei celebri scrittori e oratori latini (Orazio, Sallustio, Svetonio, Tacito, Tito Livio, Quintiliano, Cicerone, Clio Nepote), ha tenuta viva la memoria di dodici dei 162 cittadini sommesi deceduti durante la Prima Guerra Mondiale, intitolando a loro le relative dodici traverse dell’immenso Rione Vignariello – Cocaro. La necessità, come per il Parco Verde, è nata da una disposizione della Prefettura in merito di ordine pubblico. Sono stati individuati dodici eroi, nativi di quei luoghi, che hanno provato la fame, il freddo, le malattie, le ferite, le mutilazioni, la prigionia e il dolore nelle trincee, sui campi di battaglia e sotto le tende degli ospedali da campo: giovani, nella stragrande maggioranza figli di umili contadini del posto, morti indossando la divisa dell’esercito italiano nei luoghi più vari e sperduti d’Italia e d’Europa. Soldati deceduti non solo durante il conflitto, ma anche negli anni successivi per cause di malattie ufficialmente ricondotte alla guerra. Ecco i nomi: Allocca Gaetano di Raimondo, Auriemma Domenico di Vincenzo, Cerciello Giovanni di Gaetano, Cimmino Michele di Salvatore, D’Avino Gennaro di Pasquale, Di Palma Gaetano di Michele, Di Sarno Luigi di Salvatore, Maione Gennaro di Carmine, Menichino Vincenzo di Francesco, Mocerino Giovanni di Silvestro, Sodano Michele di Antonio, Trematerra Gennaro di Vincenzo. La ricerca è stata svolta tenendo conto dell’Albo d’Oro cittadino e degli atti di nascita conservati nel Fondo Stato civile dell’Archivio storico cittadino. Con delibera di Giunta Cittadina n°114 del 27 giugno 2019 è stata deliberata tale proposta.

E’stato espresso, inoltre, parere favorevole all’intitolazione del piazzale antistante la stazione ferroviaria della Circumvesuviana di Rione Trieste, nella località d’accesso a via Pigno, alla cantante Mia Martini. Si chiude, finalmente, la lunga controversia sul Belvedere Mia Martini. Nel 2015 l’Associazione culturale L’Universo di Mimì, nella persona del prof. Ciro Castaldo, chiedeva di intitolare lo spazio lungo il marciapiede, adiacente all’ex ristorante il Canguro alla cantante Mia Martini con la dicitura sopracitata. Dopo l’iter amministrativo e la delibera finale, le paranze locali ponevano il loro insignificante disappunto in quanto il luogo era sacro e già dedicato alla Mamma Schiavona (così denominata). Da qui la nuova intitolazione su proposta dell’associazione dedicata alla cantante.

La Commissione, su richiesta dell’Ufficio Anagrafe, ha deliberato di denominare via dell’Accoglienza, la strada fittizia per i senza tetto e i senza dimora. La richiesta ha l’obiettivo di regolamentare le concessione di residenza anagrafica e salvaguardare il diritto alla residenza per tutti, favorendo anche il diritto all’uguaglianza formale e sostanziale, il diritto alla salute, alla difesa.

Con verbale n° 6 del 24 gennaio 2019 la Commissione ha proposto all’unanimità, viste le richieste pervenute, di collocare una lapide all’entrata di Cupa San Giorgio, in prossimità della Piazza Vittorio Emanuele III, in memoria dei sei concittadini sommesi ingiustamente accusati di brigantaggio e trucidati, tramite fucilazione, dal plotone piemontese il 23 luglio 1861. I concittadini erano: Francesco Mauro, Saverio Scozio, Angelo Granato, Giuseppe Iervolino, Luigi Romano e Vincenzo Fusco.

In relazione alla richiesta dell’Archivio Storico Cittadino – assunta al Protocollo Generale con n°2845 del 01/02/2018 – la Commissione reitera la richiesta di intitolare la Biblioteca cittadina al compianto professore Raffaele D’Avino, nato a Somma Vesuviana nel 1949 e morto a Nola il 6 febbraio 2007.

Con protocollo n°22802 del 16 ottobre 2018 veniva richiesta dal Presidente della Commissione dello Statuto Cittadino, Consigliere Avv. Rubina Allocca, la convocazione della Commissione Toponomastica per il giorno 25 ottobre 2018 nell’ambito di una revisione della premessa storica del sopracitato statuto. La Commissione Toponomastica, riunita in data 31 ottobre 2018 nell’Archivio storico cittadino, ha provveduto ad un’attenta stesura della premessa richiesta, tenendo conto della documentazione archivistica, delle fonti librarie degli antichi storici locali e delle nuove acquisizioni.